Il punto di riferimento per le previsioni meteo

Home

                                                               

Situazione
Il piccolo Vortice depressionario  che durante la giornata di lunedì ha stazionato sul Tirreno tende lentamente ad esaurirsi , lasciando in eredità deboli condizioni di instabilità sulla nostra regione.
Previsione per martedì 26 luglio
Condizioni di cielo nuvoloso sin dal mattino sul settore nordorientale dell’Isola, in particolare sulla parte tirrenica e sull’area dello Stretto, ove non si escludono isolati piovaschi. Sui rimanenti settori generali condizioni di cielo poco nuvoloso; durante la giornata possibile aumento della nuvolosità sulle zone montuose centro-orientali sicule, con nubi anche a sviluppo verticale che potrebbero generare isolati rovesci o brevi temporali.  Condizioni migliori sul settore occidentale e meridionale. In serata il cielo tornerà ad essere pressoché sereno quasi ovunque, qualche addensamento persisterà ancora una volta in corrispondenza dello Stretto.
Le Temperature si manterranno pressoché stazionarie, su valori nella media per il mese di Luglio; potrebbe manifestarsi un calo temporaneo in corrispondenza delle aree interessate da fenomeni.
I venti saranno a prevalente regime di brezza; ancora moderati nordoccidentali sul settore centro meridionale dell’Isola.
Mosso ancora il Canale di Sicilia, localmente mosso anche il Tirreno, poco mosso lo Ionio.
Previsione per mercoledì 27 luglio
Al mattino generalmente sereno o poco nuvoloso ovunque; durante la giornata instabilità pomeridiana relegata essenzialmente alle zone montuose della Sicilia centro-orientale. Non si escludono fenomeni anche temporaleschi su Nebrodi, Etna ed Iblei. Torna la stabilità in serata.
Temperature in generale lieve aumento.
Venti a prevalente regime di brezza.
Mari generalmente poco  mossi, localmente mosso il Canale di Sicilia.
 
Tendenza successiva
Si prospettano giornate tipicamente estive, con ancora la probabilità, seppur bassa , di locale instabilità pomeridiana sui principali comprensori montuosi. 

     Giuseppe Pittera